gregory-porter__header_1900x990

Monte-Carlo Jazz Festival

Gregory Porter

Gregory Porter All Rise
Lunedì 29 novembre 2021

ll 29 novembre, Gregory Porter, una leggenda nel mondo del jazz sarà all’Opera Garnier Monte-Carlo per una serata indimenticabile!

Informazioni
  • Data: 29 novembre 2021
  • Sala del concerto: Opera Garnier Monte-Carlo
  • Tipo di concerto: Posti a sedere e numerati
  • Apertura al pubblico: Ore 20
  • Inizio del concerto: A partire dalle ore 20.30
  • Dress code: Abbigliamento corretto - Giacca obbligatoria
  • Età minima: 7 anni
  • Mail: [email protected]
  • Sito ufficiale: www.gregoryporter.com
  • Maschera Obbligatoria

Scosso dalla musica soul di Marvin Gaye e dal jazz di Nat King Cole, Gregory Porter ha fatto il suo debutto a Broadway dove è stato rapidamente notato nel musical It Ain't Nothin' But the Blues (1999). Questo successo gli ha permesso di dirigere il suo proprio musical Nat King Cole & Me nel 2004. Sono seguiti Grammy Awards, feste con Stevie Wonder e concerti per la regina d'Inghilterra, ma l'artista è rimasto umile. Secondo lui, il suo immenso successo si basa su una teoria: "La mia voce mi ha scosso da bambino, e penso che sia lo stesso per gli altri che mi sentono cantare. Cerco di guarire me stesso con queste canzoni".

Se qualcuno vi dice che è tornato, voi rispondete che lo sapevate già! Probabilmente l'avete sentito come l'eco di un terremoto. La spiegazione di tutto questo? Il sesto album in studio, All Rise, segna un ritorno alle composizioni originali del baritono che ama i testi impregnati di sensibilità che mescolano jazz e soul, blues e gospel. L'album mostra l'evoluzione artistica di Gregory Porter: la sua arte è allo stesso tempo intima e universale. Dopo aver composto l'album Nat King Cole & Me nel 2017 rivelando all'artista il lato salvifico della scrittura, Porter si è convinto a collaborare nella sua prossima opera con un'orchestra. Sostenuto da quest'ultima rivelazione, All Rise è pieno fino all'orlo di canzoni che ci parlano d'amore ma anche di protesta, perché la strada della guarigione è accidentata.

"Sì, si può dire che ho mandato della roba pesante", dice il cantante, riferendosi al talento del suo ultimo disco.

Mentre gli strumenti a corde vengono registrati negli Abbey Road Studios, il cuore dell'album All Rise ha origine in due luoghi diversi: Los Angeles, ai Capitol Studios - un luogo mitico - e in un piccolo e accogliente studio nel quartiere Saint-Germain-des-Prés di Parigi, un punto di riferimento storico in ambito letterario e jazzistico.

"All Rise è la frase che si sente quando un giudice entra nella stanza, e tutti si alzano in piedi. Ma nel pensiero, sento "we all rise", non si tratta solo di una persona. Siamo tutti sollevati dall'amore, questo è il mio pensiero politico e questa è anche la mia verità che viene dalle mie radici, la personalità del blues, il carattere del popolo nero, l'idea che la nostra condizione può essere migliorata dall'amore".

Continuate l'esperienza Monte-Carlo

PROGRAMMA FEDELTÀ

Approfittate di un accompagnamento su misura e di numerosi servizi esclusivi in ognuno degli universi del resort con il programme fedelta My Monte-Carlo !

VOGLIO VANTAGGI ESCLUSIVI