Gli impegni green assunti dal Monte-Carlo Beach

« ACT GREEN » con il Monte-Carlo Beach

Il Monte-Carlo Beach iscrive il suo programma RSE (Responsabilité Sociétale des Entreprises) nel contesto di un’iniziativa globale avviata dal gruppo Monte-Carlo SBM nel 2007. Nel 2019, il gruppo s’è impegnato a onorare la sua terza carta per lo sviluppo sostenibile, valida per il periodo 2019-2022, e procede in direzione di una RSE completa nei suoi tre aspetti:

Ambientale, Sociale e Societale

Il Monte Carlo Beach ha orientato il suo impegno per lo sviluppo sostenibile sulla base della propria carta ambientale 2019-2022, che mette in primo piano le iniziative di maggior spicco.

  • Proteggere la biodiversità:

Il Monte-Carlo Beach interviene in favore della biodiversità con la classificazione del capo de la Vigie quale rifugio della Lega Protezione Uccelli. Inoltre, la realizzazione di una diga di protezione recifale sottomarina permette lo sviluppo di una vera e propria nursery per i pesci giovani di ogni specie.

 

  • Praticare acquisti responsabili:

Il ristorante Elsa, una stella sulla Guide Michelin, e che si contraddistingue per una vocazione bio e locavora, si rifornisce principalmente presso quattro produttori agricoli situati a meno di 30 km.

Gli chefs acquistano soltanto prodotti che non fanno parte delle specie in via d'estinzione o comunque in rarefazione.

Per ciò che concerne i prodotti esotici, sono bio e provengono dalla rete di commercio equo-solidale.

 

  • Ridurre i rifiuti e praticare la raccolta differenziata:

Il Monte-Carlo Beach si affida a una scelta di prodotti ecocompatibili, provenienti da canali di distribuzione brevi e di prossimità. La raccolta differenziata dei rifiuti è praticata tramite l'identificazione di 10 categorie: vetro, carta, cartone, EMR (imballaggi domestici riciclabili), lampadine, RAEE (rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche), oli alimentari, rifiuti organici SPA3, pile, appendiabiti.

È in corso un nuovo esperimento che prevede il recupero di mozziconi di sigarette, tanto per cominciare praticato dal personale e che, con l'andar del tempo, verrà proposto alla clientela stessa.

 

  • Promuovere una mobilità sostenibile :

Molto attento ai trasporti « verdi », il Monte-Carlo Beach fa ricorso a utilitarie elettriche, dispone di una stazione di biciclette a pedalata assistita e di tre stazioni di ricarica, messe a disposizione delle clientela. Anche il veicolo d'emergenza concesso in prestito è al 100% elettrico.

Infine. la clientela che deve raggiungere l'aeroporto di Nizzaf può far ricorso a un veicolo elettrico.

 

  • Perseguire il controllo della politica energetica: 

È previsto l'acquisto presso il fornitore EDF dell'equivalente dei consumi elettrici in energie rinnovabili, mentre i contratti di fornitura di gas si basano sul principio della compensazione carbonica.

S'intende inoltre diminuire regolarmente il consumo d'acqua attraverso l'installazione di validi strumenti tecnici e il ricorso a buone pratiche: macchinari a consumi ridotti, installazione di aeratori sui rubinetti, ma anche trasformazione delle tecniche con alternative per le operazioni di pulizia (p. es. ricorso a soffiatori elettrici). Avvio di progetti come l'illuminazione dei parcheggi tramite l'energia dei pannelli solari.  

 

  • Creare condizioni favorevoli alle parti interessate:

L'hotel sensibilizza e informa le sue equipe tramite la creazione di un Green Team, come anche attraverso newsletter, e-news, blog interni, inviti alla propria clientela: stampa, comunicazione visiva, comunicazione digitale in camera, social network. 

Tra l'altro, il Monte-Carlo Beach è impegnato nel « Patto Nazionale di Transizione Ecologica di Monaco », è socio della Lega Protezione Uccelli del dipartimento PACA e implicato nel progetto delle Aree Marine Protette di Monaco.

 

  • Agire in modo sempre più solidale:

Il Monte-Carlo Beach contribuisce all'organizzazione delle raccolte dell’Associazione« les Anges Gardiens de Monaco » e partecipa tra l'altro alla raccolta di giocattoli a favore dell'associazione « Les Restos du Cœur » di Nizza; inoltre a donato all'AIMA 132 materassi e reti da letto.

Nel 2019, il gruppo ha sottoscritto per la terza volta la carta per lo sviluppo sostenibile.

Monte-Carlo Beach développement durable
Ruche Monte-Carlo Beach