Bird projection à l'Opéra Garnier - Monaco

Monte-Carlo Jazz Festival

Proiezione di "Bird" di Clint Eastwood

Proiezione di "Bird" di Clint Eastwood
Venerdì 17 novembre 2023 (CONCLUSO)

Questa proiezione è in collaborazione con l'Istituto Audiovisivo di Monaco. "Bird" di Clint Eastwood si terrà il 17 Novembre all'Opéra Garnier di Monte-Carlo!

Informazioni
  • Data: 17 Novembre 2023
  • Sala del concerto: Opéra Garnier Monte-Carlo
  • Tipo di show: Proiezione di film
  • Apertura al pubblico: ore 20
  • Inizio dela proiezione: ore 20:30
  • Dress code: Abbigliamento corretto
  • Età minima: 7 anni
  • Mail: [email protected]

La storia

Dopo la morte della nipote, Charlie "Bird" Parker, famoso sassofonista jazz nero, tenta il suicidio. La moglie di pelle bianca, Chan, lo ricovera in un pronto soccorso psichiatrico, ma rifiuta di farlo internare: un creatore ha diritto a una vita "insolita". Da questa situazione, vari flashback intrecciati rievocano la vita di Parker, che ha elevato il sassofono al suo massimo livello di espressione e ha influenzato tutta la sua generazione, ma la cui vita privata era un inferno quotidiano.

Le schede del cinema 2001

Recensione

Bird è un film ammirevole da ogni punto di vista. Innanzitutto per la sua libertà narrativa. È come se il tempo non esistesse nella storia. Va e viene come un tema musicale. Scende verso il fondo, verso le origini, per poi risalire bruscamente e senza preavviso alla superficie dell'angoscia e della violenza. È una storia "libera" da qualsiasi vincolo narrativo o melodico. Eastwood non si sofferma nemmeno sulla ricostruzione storica. L'immagine rimane sobria, scolpita nel granito del bianco e nero a colori, dove fonti di luce fuori campo disegnano riflessi sui corpi e sui volti degli attori. La fotocamera cattura solo quello; ne più ne meno.

Iannis Katsahnias, Cahiers du cinéma n° 409, giugno 1988, p. 54-55.

Clint Eastwood

Nato nel 1930, Clint Eastwood è senza dubbio il più grande regista americano degli ultimi trent'anni. Sebbene il suo immenso successo sia arrivato con i western di Sergio Leone, Clint Eastwood ha sviluppato molto presto un corpus di opere molto personali, in cui ha costantemente messo in discussione se stesso e la propria immagine. Tutti i suoi film, anche quelli meno personali, sono animati da un unico desiderio: mostrare un'America alla ricerca di un'unità perduta, lavorare "sul corpo" della storia e del sogno americano, rimodellarne le forme, i contorni e i rilievi. In questo cinema drammaticamente ricco di dubbi e false certezze, Clint Eastwood non si risparmia, assumendo sia la solitudine che le sfide che si pone come attore nei suoi film. In un'epoca in cui il cinema americano tende ad esaltare i meriti dei valori tradizionali, i film di Clint Eastwood giocano sui “cliché” ed i suoi generi cinematografici, mostrandoci uomini malconci, cani sciolti, duri, vittime del mondo o di loro stessi, individui torturati dai loro demoni interiori, eroi stanchi che escono dalla pensione per combattere la loro ultima battaglia. Inoltre, è senza dubbio in questa miscela unica di crudeltà e umanità, al crocevia tra Samuel Fuller e John Ford, che l'opera di Eastwood trae la sua eccezionale densità.

Vincent Vatrican

Monte-Carlo Jazz Festival 17 novembre au 2 décembre

Monte-Carlo Jazz Festival 2023

Per questo diciassettesimo Festival, che si svolgerà dal 17 novembre al 2 dicembre! Appuntamenti all'Opéra Garnier di Monte-Carlo!

Programma del Monte-Carlo Jazz Festival

Opéra Garnier

Programma fedeltà

#mymontecarlo

 

Per non perdervi le nostre novità e approfittare delle migliori offerte