Gala des Océans
Being amazed
Tips & Tops

Retrospettiva in immagini sul Gala degli Oceani 2019 di Monte-Carlo... L'acqua è vita !

Giovedì 26 settembre 2019 si è tenuta la 3ª edizione del Monte-Carlo Gala for the Global Ocean. Un gala organizzato dalla Fondazione Principe Alberto II di Monaco sulle Terrazze dell’Opéra Garnier di Monte-Carlo e che ancora una volta riunito artisti e filantropi internazionali tutt’intorno a una causa comune: « Operare in favore di un Oceano sostenibile, per l’avvenire delle prossime generazioni e per il futuro del Pianeta ».

Robert Redford, uomo di grande onore e amante della natura

 

Ci sono momenti in cui è opportuno sussurrare ed altri in cui è doveroso parlare ad alta voce. Leggenda vivente della settima arte, Robert Redford, 83 anni, ha assunto un ruolo di pioniere in materia di impegno ambientalista. Sono ormai quasi cinquant’anni che chiama in causa senza sosta i potenti del mondo esortandoli ad « agire subito ». « Attore per mestiere, ma militante per natura », come egli stesso ama definirsi, Robert Redford ha fatto dell’ecologia una lotta nel contempo personale e politica. È stato proprio per onorare quest’impegno precoce e incrollabile che il Monte-Carlo Gala for the Global Ocean 2019 ha voluto fare di lui l’uomo del presidente, ovvero la figura principale di questa serata, consegnandogli il Premio della Fondazione Principe Alberto II di Monaco. « Non abbiamo che questo pianeta, e non ce ne resta molto », ha dichiarato nel corso della serata, « Questo mondo appartiene alla nuova generazione ». Robert Redford succede così ai suoi compatrioti e compagni di battaglia Leonardo DiCaprio e Orlando Bloom, che erano venuti a patrocinare rispettivamente le edizioni 2017 e 2018.

« Non abbiamo che questo pianeta, e non ce ne resta molto »
Gala des Océans

Una parata di stelle…

 

Oltre a Robert Redford, sono stati 800 i convitati che quel giovedì sera hanno risposto all’appello di S.A.S. il Principe Alberto II di Monaco. 800 artisti e filantropi di fama internazionale, tutti quanti mobilitati per la protezione degli oceani. Un parterre di star ha calcato il tradizionale tappeto rosso, per l’occasione tinto di blu. Tra queste stelle Nicole Kidman e Uma Thurman, due maestre di cerimonia che hanno gareggiato in fascino e raffinatezza, con al loro fianco un Andy Garcia altrettanto elegante. Erano presenti anche Jane Seymour, Patricia Arquette, Chris Tucker, Sonia Rolland, Victoria Silvstedt, Adriana Lima, Isabeli Fontana nonché l’ex-ministro dell’ecologia Ségolène Royale. Da notare infine la presenza in carne e ossa… o quasi, di Sophia AI, robot umanoide concepito dalla Hanson Robotics. Il gala è iniziato con un cocktail dinatoire, a cui è seguita una cena preparata da uno chef stellato, coronata dalle performance live di Gwen Stefani, Andrea Bocelli e Kool & the gang. Ed è stato poi Robin Thicke ad assumersi la responsabilità di curare l’after-show.

Gala des Océans
Gala des océans

... Per una giusta causa

 

Per la Fondazione Principe Alberto II, retta dal Signor Milutin Gatsby, Global Fundraising Chairman, l'obiettivo di questo Gala degli Oceani di Monte-Carlo era ben chiaro: raccogliere fondi necessari a condurre la sua missione di tutela degli oceani. Come negli anni precedenti, la serata è stata caratterizzata da una vendita all'asta eccezionale, con un catalogo di esperienze uniche, oggetti da collezione e opere d'arte firmate da alcuni degli artisti più prestigiosi del pianeta. Tutti gli utili realizzati verranno versati alla Fondazione, a sostegno delle sue azioni di tutela dell'ambiente marino. L'anno scorso il Monte-Carlo Gala for the Global Ocean ha permesso di ricavare ben 21 milioni di euro !

 

Alt all'inquinamento degli oceani !

Benché producano il 50% dell'ossigeno che respiriamo, e assorbano il 25% delle emissioni globali di gas a effetto serra, gli oceani si vedono oggi minacciati da irrefutabili cambiamenti climatici, dall'inquinamento, dal dilagare della plastica e da una pesca più che mai intensiva. È ormai giunta l'ora di agire.Tra gli obiettivi di S.A.S. il principe Alberto II di Monaco e della sua Fondazione quest'anno ci sono otto priorità: lottare contro l'inquinamento causato dalla plastica, sviluppare aree marine protette nel Mar Mediterraneo, preservare le specie marine in via d'estinzione, estendere la protezione marina alle regioni polari, sostenere le innovazioni, favorire una pratica sostenibile dello yachting, attenuare l’acidificazione degli oceani e promuovere l'educazione ambientale.

 

© Getty Images FPA 2 - Palais Princier 

Potreste anche voler leggere…