pièce de théâtre
Artistico
Zoom su

Al crocevia delle arti da 150 anni

Pubblicato il Febbraio 03, 2023Aggiornato il Aprile 25, 2023

Fin dall'inizio, il resort Monte-Carlo Société des Bains de Mer ha voluto proporre ai giocatori un intrattenimento innovativo. Una partnership con le arti che lo ha trasformato nel corso degli anni in un organizzatore di grandi eventi culturali.

Monaco, un luogo incomparabile

"In una sola settimana ho potuto discutere di letteratura con gli autori più in vista, di cavalleria con la Regina dei salotti e dei teatri, di politica con degli statisti, di arte con gli artisti più rinomati e di finanza... con Monsieur Blanc", affermava con entusiasmo Lord Henry Brougham nel 1865, appena un anno dopo l'inaugurazione dell’Hôtel de Paris Monte-Carlo. Ed è proprio sotto l'impulso del principe Carlo III di Monaco, fondatore della Société des Bains de Mer e di sua moglie Marie Blanc, che il Principato si dotò non solo di un casinò, che a partire dal 1863 vide affluire ai suoi tavoli giocatori di tutti i Paesi, ma anche di un teatro d'opera che, sotto la direzione di Raoul Gunsbourg, avrebbe accolto l'attrice Sarah Bernhardt, il tenore italiano Enrico Caruso e il cantante russo Fédor Chaliapine, oltre a compositori in residenza come Massenet, Saint-Saëns e Bizet. Molto presto, l'Opéra de Monte-Carlo diventerà un palcoscenico privilegiato per la troupe riunita intorno a Serge de Diaghilev: i famosi Ballets Russes, che fanno della danza una forma d'arte totale con manifesti e scenografie firmate da Jean Cocteau, Picasso, Matisse, Braque, Dufy o Mirò.

 

Foto: Orchestre du Nouveau Cercle des Étrangers del 1896, precursore dell'Orchestra Filarmonica.

Patrimoine 1896 L'Orchestre

Icone e astri nascenti

Naturalmente, l'arte viene celebrata in tutti gli hotel del resort. Mentre all’Hôtel de Paris Monte-Carlo si ricordano le riprese del film Vacanze a Montecarlo (Andremo a Monte-Carlo nella sua versione francese) nella grande hall - dove Colette fu catturata dal talento di Audrey Hepburn –, al Monte-Carlo Beach, inaugurato nel 1928 e diventato un appuntamento dell’élite artistica, musicale e culturale, Marlene Dietrich e Gloria Swanson erano tra gli habitués. All’Hôtel Hermitage Monte-Carlo, il soffitto della Salle Belle Epoque - realizzato dal pittore Gabriel Ferrier - si ispira direttamente alle opere di Boucher e Fragonard, mentre il tetto in vetro del giardino d'inverno è stato progettato dai discepoli di Gustave Eiffel. Oltre a questi palazzi, il gruppo costruì gradualmente luoghi interamente dedicati alla celebrazione della cultura, come il Palais des Beaux-Arts, gioiello dell'architetto Jules Touzet, che presentava mostre di pittura, scultura, proiezioni di film e concerti sulla Place du Casino. Al posto di questo edificio, che sta diventando vecchio con il passare del tempo, verrà costruita le Sporting d’Hiver. 

 

Foto: Le riprese del film "Il romanzo di un baro" nel 1936 al Casinò di Monte-Carlo.

Tournage du film « Le roman d'un tricheur » en 1936 au Casino de Monte-Carlo

La storia dello Sporting Monte-Carlo

 Nel 1974, l’inaugurazione del Monte-Carlo Sporting Club con la star del music-hall Joséphine Baker suonerà la fine di quest'epoca, sapendo che le serate di gala, le cene e i concerti saranno progressivamente trasferiti allo Sporting d'Eté, sulla quasi isola artificiale del Larvotto. All'inizio degli anni 2000, sarà ribattezzato Sporting Monte-Carlo. Ospitando la mitica Salle des Etoiles, riunisce ogni estate le più grandi voci in occasione del Monte-Carlo Sporting Summer Festival, immaginato nel 2006 da Jean-René Palacio, direttore artistico, anche su iniziativa del Monte-Carlo Jazz Festival all'Opéra Garnier di Monte-Carlo, con concerti rari come quello di Marcus Miller con l'Orchestra Filarmonica di Monte-Carlo, Sonny Rollins, Diana Krall, Herbie Hancock e IAM. Eminentemente cinematografiche, le ambientazioni del resort hanno ispirato i registi fino ad oggi.

 

Foto: Vaslav Nijinsky, ballerino dei Ballets Russes, in «Les Orientales» del 1910

 

Nessuno può ignorare la storia d’amore che esiste tra Monaco e la musica. Questo rapporto speciale ha dato vita a spettacoli, uno più grandioso dell'altro.

Scoprite: "100 anni di concerti a Monaco"

> Per sapere tutto sul programma attuale e gli ultimi concerti

 

Vaslav Nijinsky, éminent danseur des Ballets Russes, dans « Les Orientales » en 1910.

Potreste anche voler leggere…