Villa La Vigie - Maison de luxe
Lifestyle
Zoom su

Le storie delle ville di Monaco

Pubblicato il Novembre 09, 2023Aggiornato il Febbraio 16, 2024

Tra spensieratezza “Belle Époque” ed eleganza patrizia, tra spirito della Dolce Vita e profumi orientali, tra Art Nouveau del secolo scorso e nuove sfide del secolo che verrà: all'ansa di un boulevard o di un viale, nel cuore di un magnifico giardino o ai piedi di una moderna torre, il Principato ospita vere meraviglie architettoniche. Ville sontuose le cui sagome sono diventate gli emblemi Monaco. Ne sono sia la memoria che il futuro. Luoghi di storia ma anche di riflessione sulle sfide del domani. Ecco un breve tour della città in una panoramica non esaustiva delle più belle ville di Monaco.  

Villa Sauber, il gioiello della Belle Époque  

17 avenue Princesse Grace

Monaco

Con la sua facciata che Charles Garnier non avrebbe rinnegato, rimane una delle ultime ville Belle Époque di Monaco. È difficile risalire esattamente al momento in cui fu posta la prima pietra. Resta il fatto che, all'inizio del XX secolo, Villa Sauber era di proprietà di Maria Bianca, la “gran dama di Monte-Carlo”. Solo che non si chiamava ancora Villa Sauber, ma Villa des Bas-Moulins, dal nome della contrada che correva lungo la costa. A quel tempo non esisteva ancora la spiaggia del Larvotto e la graziosa proprietà si estendeva fino al sentiero che costeggia il Mediterraneo. Prese il nome “Sauber” nel 1904, quando fu acquistata dal pittore inglese Robert H. Sauber. L'artista fece dell'ala ovest il suo studio, ponendovi tele e cavalletti. Vi rimase dieci anni, insieme alla moglie, per poi venderla alla vigilia della Prima Guerra Mondiale. Ma, indubbiamente legati al luogo, il pittore e sua moglie la riacquistarono nel 1925 per lasciarla definitivamente all'inizio degli anni '30. Dopo diversi cambi di proprietà, la villa ed i suoi giardini furono acquisiti nel 1969 dallo Stato monegasco. Ma fu una Villa Sauber completamente rinnovata quella che, tre anni dopo, aprì le porte al pubblico come Museo Nazionale. Dal 2009, vi si tengono numerose mostre diarte contemporanea essendo ormai, insieme a Villa Paloma, sede del Nuovo Museo Nazionale di Monaco (NMNM). 

Villa Sauber - Villa luxe Monaco

Villa Paloma, la bella patrizia 

56 Boulevard du Jardin Exotique

Monaco

Nel 1913 lo statunitense Edward N. Dickerson decise di riunire sei lotti di terreno, sparsi tra più proprietari, per edificare una villa con relativo giardino. Siamo sulle alture di Monaco, nel vecchio quartiere Révoires, boulevard de l'Observatoire, divenuto poi boulevard du Jardin Exotique. Quella che allora si chiamava Villa Coquette dominava dall'alto dei suoi tre piani la Condamine, La Rocher e Port Hercule – quello di Fontvieille non esisteva ancora. Fu solo con l'acquisto nel 1925 da parte di tale Robert W. Hudson e il suo matrimonio nel 1932 con una certa Beatrice Sabina Gaudengio che la villa prese il nome da Villa Paloma. La casa venne gravemente danneggiata dalla Seconda Guerra Mondiale e deve la sua rinascita al Sig. Giuseppe Fissore, nuovo proprietario dal 1950. La villa è poi corredata da una piscina e da magnifici giardini “all'antica” progettati da Octave Godard, brillante discepolo del paesaggista Édouard André. Le vetrate del grande salone sono invece opera del vetraio nizzardo Fassi Cadet. Acquistata dallo Stato nel 1995, la bella residenza patrizia è diventata nel 2010, insieme a Villa Sauber, la seconda sede espositiva del NMNM: specchio del patrimonio del Principato, luogo di diffusione della creazione contemporanea e punto d'incontro delle discipline.

Villa Paloma - Villa luxe Monaco

Villa L’Oiseau Bleu, la neoclassica 

17 avenue Crovetto Frères

Monaco

Quando il presente si ispira al passato, ecco apparire L’Oiseau Bleu, gioiello architettonico realizzato nel 2011 e progettato dall'architetto Alessandro Giraldi. Di ispirazione neoclassica, con i suoi balconi e colonnati in ferro battuto, questo edificio eccezionale rende omaggio al patrimonio monegasco. Gli androni, di grande raffinatezza, sono firmati dal famoso designer Jacques Garcia. Situato nel quartiere Jardin Exotique, questo magnifico edificio di 13 piani comprende 21 appartamenti di lusso con terrazzo e palestra. Gli ultimi piani sono occupati da un attico triplex.  

L'oiseau Bleu - Villa Monaco

Villa La Vigie, serena custode dello spirito della Riviera 

Avenue Princesse Grace - Quartiere di Saint Roman  

Roquebrune Cap-Martin 

Alla fine di un viale fiancheggiato da limoni, cipressi e buganvillee, si erge alle porte di Monaco un edificio su tre livelli in architettura neoclassica: Villa La Vigie veglia dal 1902 la baia di Roquebrune-Cap-Martin. Un'oasi di pace pensata e progettata da e per il lord inglese Sir William Ingram, uomo politico e legato ai mass media. Tutt'intorno, affacciato sul mare, si trova un magnifico parco alberato e ornato da giardini esotici. Leggermente più in basso, l'hotel Monte Carlo Beach, leggenda degli anni '30. Ancora oltre, ecco che si apre quello che è senza dubbio uno dei panorami più belli del Mediterraneo e del Principato. Questa lussuosa villa è famosa soprattutto per aver ospitato tra le sue mura il grande stilista Karl Lagerfeld che, per più di dieci anni, vi trovò ispirazione per le sue creazioni e un ambiente idilliaco per il suo lavoro fotografico. I suoi interni raffinati combinano pavimenti in marmo e parquet, colonne e caminetti. All'esterno, un vasto terrazzo si estende per tutta la lunghezza dell'edificio e offre una vista mozzafiato. Di proprietà della Monte-Carlo Société des Bains de Mer dal 1952, Villa La Vigie rimase disabitata finché Karl Lagerfeld decise nel 1986 di farne la sua residenza fino al 2000. Da allora, la residenza è la gioia dei pochi privilegiati clienti che, per una settimana o un mese, vivono un'esperienza straordinaria in una delle ville più prestigiose della Costa Azzurra.  

Villa Ispahan o Villa Danichgah, un palazzo orientale nel Principato  

57 Boulevard du Jardin Exotique

Monaco

Sconcertante, senza tempo, sorprendente... Quando la si vede per la prima volta, ergersi sulle alture del quartiere Moneghetti, Villa Ispahan raramente lascia indifferenti. Fino al 1986 era soprannominata Villa Danishgah, letteralmente la “casa del poeta”. Costruita nel 1910, questa sontuosa villa fu la dimora del Principe Arfa Mirza Riza Khan, diplomatico persiano e vicino a SAS il Principe Alberto I, nonché brillante umanista, letterato e amico di Pierre Loti. Visse nella villa con la moglie, circondato da opere d'arte, oggetti d'antiquariato e altri tesori. La sua architettura, direttamente ispirata alla moschea dello Scià di Isfahan, la terza città dell'Iran, rimane un monumento della raffinatezza persiana nel cuore di Monaco. I suoi minareti blu, la sua facciata di maioliche colorate, le sue iscrizioni persiane e i suoi arabeschi che simboleggiano il leone solare, emblema della Persia imperiale, le conferiscono il suo aspetto unico. All'interno, i marmi iridescenti, i mosaici e altri ornamenti in foglia d'oro sono d'epoca. Museo dell'arte e della cultura persiana negli anni '60, poi messa in vendita nel 2019, Villa Ispahan è oggi sede del consolato indonesiano a Monaco. 

Ispahan - Villa Monaco

Villa Riberi, l’Art Nouveau come una volta 

19 Boulevard d'Italie

Monaco

All'ombra della vertiginosa Torre Odeon, Villa Riberi, vive da più di 100 anni felice e contenta al 19 Boulevard d'Italie, nel quartiere Rousse, dove risiede dal 1908. Deve il nome al suo ispiratore, Paul Riberi che non immaginava, affidandone la costruzione all'architetto Victor Isouard, di vedere un giorno la sua meraviglia Art Nouveau circondata da vetro e acciaio. Art Nouveau? Non proprio, in effetti, dato che Villa Riberi gioca a sfumare le linee in uno stile eclettico dal grande effetto, tra finestre ad arco, tetto a padiglione e rinforzi in legno. Su entrambi i lati della facciata, si trovano delle iscrizioni: "Ampio magazzino di uova, pollame e frutta". Reminiscenze d'altri tempi e segni distintivi della storia della Belle Époque monegasca a cui l'edificio si ispira. Oggi la villa è ancora molto "viva" e ospita diversi appartamenti.  

Riberi - Villa Monaco

Villa Troglodyte, lusso sul bordo della roccia 

23 avenue Hector Otto

Monaco

Tra le residenze eccezionali di Monaco, Villa Troglodyte, situata in avenue Hector Otto, è senza dubbio tra le più singolari. Primo del suo genere nel Principato, è l'opera geniale dell'architetto Jean-Pierre Lott. L'idea? Modellare la casa in base a ciò che il nostro ambiente ci offre. Portare la casa nel paesaggio e non viceversa. Ottenere volumi, togliere anziché costruire, attirare la luce e aprire le proprie prospettive, sfruttando le energie naturali, tra geotermia, energia solare e recupero delle acque piovane. Questo è il punto centrale di questa villa ricoperta di roccia e vegetazione alla quale si accede tramite una faglia. Poi, da una piccola passerella sospesa, si attraversa una piscina che sembra un lago sotterraneo fino a raggiungere un ampio salone con pavimentazione in legno riciclato. La villa si sviluppa su cinque livelli, tutti inondati di luce naturale attraverso finestre realizzate su misura che formano un tutt'uno con la pietra. E attraverso questo dialogo tra la roccia e il costruito, Villa Troglodita si interroga sul rapporto dell'uomo con la natura... Una vera impresa architettonica e ambientale, una formidabile sfida di ingegno e un'affascinante riflessione su come potrebbe essere l'habitat di domani.  

Foto: @ Loïc Thebaud

Villa luxe Monaco
Potreste anche voler leggere…