Victoria-Vallenilla-COYA
Degustare
Zoom su

Incontro con chef Victoria Vallenilla, COYA Monte-Carlo

Ad appena 27 anni, Victoria Vallenilla ha assunto i comandi della brigata che da quattro stagioni sublima i grandi classici della cucina peruviana, grazie a delicati tocchi di gastronomia asiatica. La chef venezuelana cresciuta nei Caraibi è così diventata la prima chef del Resort e del gruppo COYA. « La ristorazione è un ambiente molto maschile. Occorre giustificare le proprie scelte con grande decisione, molta più di quanta viene richiesta a un uomo » ricorda con fierezza questa giovane donna di talento.

 

Victoria, che da bambina sognava di diventare architetto, ha percorso a gran velocità le tappe della sua carriera. Dopo aver concluso con risultati brillanti gli studi alberghieri a Nizza, nel 2015 è stata finalista del concorso di cucina teletrasmesso « Objectif Top Chef ». Entrata a far parte della brigata di cucina al Vistamar dell’Hôtel Hermitage Monte-Carlo, è stata formata dagli chef stellata Joël Garault et Benoit Witz. In seguito ha perfezionato la sua esperienza alla Trattoria d’Alain Ducasse. Durante un viaggio a Dubai, ha scoperto la cucina fusion del COYA. Sedotta da questo concept, ha immediatamente chiesto un impiego al COYA Monte-Carlo nel 2018, diventando rapidamente seconda dello chef Fabrizio Fossati.

L'occasione che ci voleva per farle riscoprire i sapori della sua giovinezza. « Il cibo fluisce attraverso i sentimenti. Sono lontana dal mio paese e mi manca. Per me cucinare queste pietanze è stata fonte di gran conforto, perché mi sento cullata dai piatti della mia infanzia » È stato anche un modo di rendere omaggia alla sua nutrice Guadalupe: « Era una cuoca straordinaria, che preparava il pranzo di mezzogiorno per 20 persone, un giorno dopo l'altro... ».  È stata proprio Guadalupe a ispirare Victoria per le sue empanadas di mais. Proposta sulla carta del COYA Monte-Carlo, questa pietanza verrà ben presto proposto in tutti i COYA del mondo intero

Victoria-Vallenilla-COYA
COYA Monte-Carlo, de nouvelles saveurs

Una creatrice di sapori...

La Chef venezuelana ha creato altre novità, come per esempio un croccante pop-corn di pollo, ideato sul processo naturale di due giorni di marinatura. Victoria ama cucinare piatti naturalmente leggeri e sani, servendosi dell'umami, il famoso quinto sapore « che risveglia il palato e pizzica in bocca ».

Per creare tutta un'arborescenza di sapori, Victoria lavora inoltre con il foodpairing, l'analisi molecolare che consente di elaborare al meglio i migliori accordi culinari. Durante il confinamento del marzo 2020, si è parimenti dedicata alla cucina vegetariana, immaginando ricette vegane originali e nutritive – come per esempio l'Arroz chauffa – con il seitan, la proteina a base di glutine di grano, che sostituisce il tofu. « Il mio lavoro mi soddisfa davvero! È  un'autentica passione, un hobby...»,  s'entusiasma questa giovane artista della cucina, dove trascorre dalle dodici alle quattordici ore al giorno, onde trasmettere il suo sapere all'equipe con cui lavora. « È un investimento essenziale, che per la clientela è sinonimo di piacere per le papille ».

Una clientela del resto già conquistata dall'atmosfera colorata e frizzante di questo ristorante dall'atmosfera festoso, che propone anche cocktail della casa, oltre a una grande selezione di tequila e rhum.

Potreste anche voler leggere…