Rallye Monte-Carlo
Backstage
Incontri con

Incontro con Sébastien Ogier, sulla linea di partenza del Rally di Monte-Carlo

Pubblicato il Gennaio 17, 2024Aggiornato il Febbraio 01, 2024

A poche ore da Rally di Monte-Carlo, la cui partenza ufficiale è prevista per il 25 gennaio, Sébastien Ogier, otto volte campione del mondo di rally, ci racconta le sue sensazioni. Il detentore del record di vittorie del Rally di Monte-Carlo torna in strada per questa 92esima edizione. E la competizione occupa ancora un posto speciale nel suo cuore. Incontriamolo.

Rallye Monte-Carlo

Cosa ti ricorda Monaco?

Sébastien Ogier: Gli occhi pieni di meraviglia. Fin da piccolo è un luogo che mi ha sempre fatto sognare, sia per la Formula 1 che per il Rally. Ho avuto la possibilità di associare Monaco ai miei successi e a tanti bei ricordi personali, quindi mi ricorda molte esperienze positive.

 

Tornerai al Rally di Monte-Carlo nel 2024: quali sono i luoghi che ti hanno segnato durante questo evento, dal tuo debutto nella competizione?

Sébastien Ogier:  Considerata la mia età, ho potuto gareggiare in passato in edizioni in cui il rally si svolgeva su distanze molto lunghe. Per quanto riguarda i luoghi vicino a Monaco, cito volentieri il Col de Turini e tutte le prove speciali del Sud che fanno davvero parte della storia di questo rally. Ci sono anche gare che si sono tenute nelle immediate vicinanze della mia città natale, vicino a Gap, ed è sempre piacevole correre in queste zone. E poi c'è l'Ardèche. Ricorderò sempre Le Moulinon-Antraigues, nel 2013, sulla Polo. Sono strade fantastiche per il rally. Sarebbe bello tornarci un giorno.

Rallye Monte-Carlo

Cosa pensi di questo rally e delle sue leggendarie prove speciali?

Sébastien Ogier: È un rally particolare per me perché è vicino alle mie radici. Quando ero giovane vedevo passare tutte queste macchine vicino a casa mia, nelle prove speciali più belle del mondo. Ovviamente ho sempre beneficiato di un sostegno molto significativo da parte del pubblico. È divertente e motivante. Essendo nato in montagna, l’ambiente mi è familiare. La stagione invernale mi è congeniale. Certo, resta uno dei rally più difficili, con parametri molto variabili a causa della stagione: l'adrenalina è fortissima. Se dovessi scegliere di vincerne solo uno, sarebbe questo.

 

Monaco è una città legata alle automobili: è una cosa che ti piace qui?

Sébastien Ogier: Non ho mai vissuto a Monaco, ma è vero che la città è piena di posti dove puoi vedere bellissime auto in giro. Nonostante tutto, non è il posto migliore per usarle, ma per contemplarle funziona perfettamente!

"Se dovessi scegliere di vincerne solo uno, sarebbe questo"
Rallye Monte-Carlo

Il tuo ricordo più bello del Rally di Monte-Carlo?

Sébastien Ogier: Ho tanti bei ricordi, ma credo che il migliore rimanga la mia prima vittoria al Rally, nel 2009, per la mia prima partecipazione. Ho fatto fatica a rendermene conto!

 

 

Il tuo posto preferito a Monaco?

Sébastien Ogier: Direi Place du Palais! Per noi piloti è sinonimo di cose belle: se tutto va bene, è qui che verremo a ritirare un bellissimo trofeo! Mi piace molto anche l'atmosfera all'inizio dell'evento, sulla Place du Casino Monte-Carlo, che fa anche parte del circuito di Formula 1. E questo circuito è davvero leggendario per i nostri sport!

Rallye Monte-Carlo
Rallye Monte-Carlo

Sei stato commissario del Gran Premio qualche anno fa...

Sébastien Ogier: Anche in questo caso, ne ho un ottimo ricordo. Ho ricoperto il ruolo di commissario per due stagioni sul circuito di Monaco. Sono state due occasioni per immergermi in questo mondo, quello della Formula 1, di cui sapevo poco. Venendo da un piccolo villaggio sulle Alpi, quei fine settimana mi sembravano sogni. E poi queste sono esperienze formative, perché fare il commissario ti permette di vedere “l’altra faccia” degli sport automobilistici. Senza un commissario, senza volontari, il nostro sport non potrebbe svolgersi! Dobbiamo quindi ricordarci sempre di ringraziarli.

 

Su questo circuito hai corso anche tu, nella Porsche Supercup. Un bel ricordo?

Sébastien Ogier: Ho sempre in mente queste immagini di Ayrton Senna, il mio idolo, che corre per le strade di Monaco a bordo di una vettura di Formula 1. Nella Porsche Supercup si guida un po' più lentamente, ma le sensazioni sono tali che mi ha segnato per tutta la vita. E mi piacerebbe ripetere questo tipo di esperienza in futuro.

Sébastien Ogier in cinque date

1983: nascita a Gap

2005: vittoria nel FFSA Youth Rally, che gli ha aperto le porte alla carriera professionistica

2009: prima vittoria al Rally di Monte-Carlo, su una Peugeot 207

2013: primo titolo di campione del mondo di rally con la Volkswagen Polo; prima competizione ufficiale sul circuito di Monaco nella Porsche Supercup

2024: tredicesima partecipazione al Rally di Monte-Carlo nel WRC, su Toyota Yaris

Rallye Monte Carlo
Rallye Monte-Carlo

Il Rally automobilistico Monte-Carlo

 

Dal 1911, l'Automobile Club di Monaco organizza nel Principato e nei suoi dintorni un prestigioso evento automobilistico fuori circuito: il Rally di Monte-Carlo! Anche se negli anni '20 si trattava inizialmente di un evento mondano, la corsa si è ampiamente evoluta nel corso degli anni fino a diventare un'importante tappa del Campionato del mondo rally, con prove speciali che prevedevano alcune delle più belle strade alpine.

Sandro Munari sulla famosa Lancia Stratos, Walter Röhrl, Didier Auriol, Tommi Mäkinen e ovviamente i campioni francesi Sébastien Loeb e Sébastien Ogier hanno associato i loro nomi al palmares di una manifestazione che tradizionalmente comincia in Place du Casino Monte-Carlo. Il prestigio e la memoria del Rally di Monte-Carlo non sono scemati nel corso di un secolo e questo patrimonio è stato valorizzato ancora di più negli ultimi vent'anni, con la creazione del Rally Storico di Monte Carlo, che offre alle vecchie auto l'opportunità di ruggire nuovamente sulle tortuose strade che circondano il Principato!

 

Scoprite la 92a edizione del Rally automobilistico di Monte-Carlo

Potreste anche voler leggere…