Interview Sofiane Pamart à l'Opéra Garnier Monte-Carlo
Meravigliarsi / Fremere
Incontri con

Sofiane Pamart a Monaco: il virtuosismo al servizio dell'emozione

LETTER, è il titolo del nuovo album del pianista prodigio Sofiane Pamart. 18 brani, ciascun titolo dei quali costituisce un elemento della frase "Dear Public Your Love Saved Me From Solitude Forever Sincerely Sofiane P.S. I Wrote This Album In Asia". Una lettera d'amore scritta nero su bianco, di cui l'artista verrà a condividere i più bei passaggi il 30 novembre all'Opéra Garnier de Monte-Carlo, nell'ambito del Monte-Carlo Jazz Festival 2022. Ecco il nostro incontro.

Che cosa ha ispirato questo nuovo album?

Sofiane Pamart: Il cambiamento di vita che ho sperimentato tra il mio primo album Planètes, quello che mi ha fatto conoscere e con cui ho affermato una prima identità al piano, e il momento che vivo adesso, in cui la mia musica ha iniziato a entrare nella vita del pubblico. Le persone hanno iniziato a mandarmi tantissimi messaggi. Ho sentito la mia vita cambiare! Al momento di comporre il mio secondo album, si era già prodotta una trasformazione profonda che mi ha ispirato particolarmente nel processo di scrittura. Sono quindi partito per un lungo viaggio attraverso l'Asia - viaggiare mi ispira sempre molto! - con, a differenza del primo album, questo pubblico con cui avevo intrapreso una storia. Volevo quindi esprimere davvero la mia riconoscenza, dire grazie a questo pubblico a cui devo tutto.

"Viaggiare mi ispira sempre molto!"
Album Sofiane Pamart Opéra Garnier Monte-Carlo
mcjf-SofianePamart-Header_1900x990.

Che spazio ha la sensazione di occupare sulla scena musicale?

S. P.: Ho la sensazione e il privilegio di trasformare in punti di forza ciò che, in partenza, potrebbe apparire come una debolezza: esprimermi solo, semplicemente con il mio pianoforte. Senza cantare, senza rappare. In principio, credo che questa proposta artistica abbia sorpreso più di una persona. Mi ha richiesto tantissimo lavoro. Ma oggi posso infine raccogliere i frutti dei miei sforzi. Affermare liberamente ciò che ho sempre avuto a cuore. Affermare la mia identità e non agire in funzione di ciò che si aspettava da me.

 

Cosa significa per lei "suonare alla grande e per tutti"?

S. P.: Voglio innanzitutto parlare al cuore, all'emozione. Secondo me, l'aspetto cerebrale deve venire dopo. Possiamo riflettere sulla musica, ma non è ciò che mi interessa di più. Desidero soprattutto ispirare grandi emozioni. Accompagnare le emozioni degli amanti della musica e dei meno avvezzi, al di là di ogni classe sociale. Voglio qualcosa che sia molto inclusivo... tengo molto alla nozione di musica popolare. Quella che entra nel cuore delle persone, nella loro vita, quella vera. E questo è stato anche un modo per evadere dagli aspetti più tecnici della musica classica.

Sarà in concerto il 30 novembre all'Opéra Garnier de Monte-Carlo nell'ambito del Monte-Carlo Jazz Festival 2022.

Che cosa le ispirano questa sala emblematica e questo festival?

S. P.: Sono molto onorato! Ho già scritto una prima storia con l’Opéra Garnier. Quella di Parigi, dove ho avuto la fortuna di trascorrere una giornata intera, con la sala tutta per me, giusto il tempo per le riprese con i miei amici di Bon Entendeur per il video di Alba. È questo genere di luoghi che hanno dato forma ai sogni della mia infanzia e verso i quali provo solo ammirazione. E poi, poco a poco, ho provato a dirmi che un giorno ci sarei tornato per esibirmi, a scriverci la mia storia. Ed è questo sogno che prende forma oggi, con un pubblico pronto a unirsi a me in questo luogo prestigioso per ascoltare ciò che voglio proporre con la mia musica.

"È questo genere di luoghi che hanno dato forma ai sogni della mia infanzia e verso i quali provo solo ammirazione"

Questa sala, questo festival... Non crede le assomiglino un po', in fin dei conti? Per nulla fan delle etichette... Ha trascorso la sua giovinezza con il rap nelle orecchie, mentre al conservatorio le sue dita imparavano a padroneggiare il repertorio della musica classica... Che cosa le ha offerto questa doppia "educazione"?

S. P.: Inizialmente, ho ricercato quelle che mi sembravano le qualità di ogni approccio: il rigore della classica, la sua cultura dell'eccellenza, del perfezionismo, una formazione che si trasmette da secoli, da maestro ad allievo. Amo questa cultura e la trovo affascinante anche se, necessariamente, può mancare di spontaneità, portando sulle spalle il peso dei giganti che ne hanno scritto la storia, i codici. È una musica che fa parte del patrimonio culturale, i cui codici possono a volte allontanare dalla strada corretta e dal presente. Ed è proprio questo ciò che attingo dal rap. Mentre la musica classica esige spesso che ci si prenda del tempo per sentirsi pronti - e non lo si è mai davvero! - il rap è la musica dell'istante. Che si sia pronti o meno, ci si lancia! Si registra in free stlye! Ci si mette in scena dietro lo schermo anche se si tratta di un primo progetto...

Interview Sofiane Pamart à l'Opéra Garnier Monte-Carlo
Interview Sofiane Pamart à l'Opéra Garnier Monte-Carlo
"Ci si diverte a celebrarsi, mettersi in mostra e sentirsi a proprio agio" S. P.

Dal punto di vista della personalità, quale sarebbe il suo lato "classico" e quale quello "rap"?

S. P.: Beh, credo che quello classico sia la mia tecnica: le mie dita! Il rap è tutto il resto!

 

Un'altra etichetta che si diverte a fare a brandelli è quella dell'immagine. Lei studia la sua con eleganza, precisione ed esigenza. Che cosa "racconta" di lei?

S. P.: Adoro questo gioco teatrale in cui ci si valorizza a vicenda. Un po' come quando si va a teatro, appunto. In cui ci si comporta in un certo modo, ci si esprime in un certo modo. Ci si diverte a celebrarsi, mettersi in mostra e sentirsi a proprio agio. Forse anche un modo per imparare a volersi bene. Ritrovo lo stesso sentimento anche nell'universo del lusso. Amo molto lavorare con i marchi di alta gamma che desiderano raccontare una storia, ispirare un'esperienza sensoriale a tutti i livelli. Questo mi ha sempre affascinato e provo a riprodurlo nella mia arte.

 

La sua immagine, in particolare, ma anche le numerose collaborazioni con maison e i brand prestigiosi le sono valse la definizione di "Nuovo volto del lusso" conferitole dal Salon du Luxe Paris. (Ri)conciliare recital, hip-hop e lusso è dunque possibile?

S. P.: Certo! Una riconciliazione che, secondo me, è innanzitutto una questione di attitudine, perché la mia espressione resta classica. La musica che compongo non può essere "hip-hop". Per contro, nell'attitudine, ho davvero dei punti di riferimento e una cultura hip-hop. È qui che si colloca la riconciliazione, in questo spirito.

Monaco vue panoramique

Suonare il piano, per lei, significa raccontare storie, immaginare film, viaggiare... Se allora le dico "Monaco", che storia e che immagini le vengono in mente?

S. P.: Per ora, ci ho fatto solo un salto molto rapido in occasione di uno scalo in nave. Non ho ancora avuto l'occasione di cogliere davvero l'anima della città. Ma diciamo che immagino di trovare a Monaco un'aura principesca, chic e lussuosa, un immaginario sontuoso che mi affascina molto. Non vedo l'ora di scoprire tutto questo. E, fortunatamente, la data al Monte-Carlo Jazz Festival giungerà subito dopo un concerto che terrò a Parigi (ndr, all'Accor Arena de Bercy il 17 novembre), che rappresenterà un momento di prestigio e celebrazione, e alla vigilia della partenza per i miei primi concerti negli Stati Uniti.

Che genere di melodia o che brano potrebbe definire Monaco?

S. P.: Spontaneamente, direi Album da LETTER! Immagino una melodia completamente dorata, scintillante come un gioiello prezioso. Come quelle di Album, con i suoi arpeggi, i suoi trilli e un gioco con la mano destra particolarmente piroettante. Questo potrebbe far evocare questo lato brillante, quest'energia Monaco mi ispira a priori.

"Questa data a Monaco avrà quindi anche un sapore particolare e avrò l'occasione di immergermi completamente nella città e raccoglierne le emozioni"

Che cosa bisogna aspettarsi con Sofiane Pamart in scena?

S. P.: Uno spettacolo di piano solista. E, in un luogo così prestigioso, la mia fortuna sarà quella di poter suonare la mia musica, con il mio flow personale. Offrirò ovviamente una proposta particolare per ciò riguarda il mio look e il modo di condurre le mie melodie.

Interview Sofiane Pamart à l'Opéra Garnier Monte-Carlo
Potreste anche voler leggere…